Gnocchi di grano saraceno al pesto di broccoli

image

Credevo che anche oggi non sarei riuscita a pubblicare niente, ed invece eccomi qui.
Nonostante l’ora, la stanchezza, e la montagna di roba da stirare che aumenta a dismisura, mi prendo questi minuti per scrivere e descrivere questo piatto.
Un primo, strano per me.
Perché in casa si mangia la canonica prima portata a pranzo in genere, mentre a cena si prediligono verdure cotte e crude, legumi e tutto ciò che con questi si può fare.
Oggi invece le cose si sono invertite, e la giornata è passata frettolosamente tra scuola, spesa, corse per portare la maggiore a danza e attese lunghe per avere la luce giusta per una foto speciale. Una foto speciale per una persona speciale, per una ricetta speciale che mi è stata suggerita e che ho cercato di realizzare al meglio.
La foto poi non è stata fatta, perché mentre attendevo speranzosa l’idea per ricreare l’inverno, la cena si stava bruciando, e le tenebre sono avanzate silenziosamente.
Ma questi gnocchi no…li dovevo fotografare e condividere.
Sono un concentrato di minerali e vitamine!

Per gli gnocchi:

500gr di patate
200gr di farina di grano saraceno biologica
60gr di latte di mandorla autoprodotto (o qualsiasi latte vegetale non dolcificato)
Sale

Per il pesto di broccoli:

Cime di un piccolo broccolo romanesco
30gr di mandorle
30gr di noci
1 cucchiaio di tahin
Olio extra vergine di oliva
Sale
Spicchio di aglio

Pulire il broccolo e sbollentarlo per pochi minuti in acqua salata.
Trasferirlo in un mixer con gli altri ingredienti, e frullare per pochi minuti, aggiungendo qualche cucchiaio di acqua se il composto dovesse risultare troppo denso.

Sono sicura che non devo spiegarvi come si fanno gli gnocchi, ma per sicurezza…
Sbollentare le patate fino a renderle molto morbide.
Passarle con uno schiacciapatate ed unire la farina, il sale, il latte, creando un impasto lavorabile che servirà per formare gli gnocchi. Cuocerli in acqua salata, scolarli e condirli con il pesto.

Io vado a stirare 😒
(Per produrre il latte di mandorla il procedimento che uso io è il seguente: metto in ammollo per una notte 150gr di mandorle pelate in un litro di acqua. La mattina lo processo nell’estrattore senza dolcificarlo se dovrò usarlo per ricette salate, con qualche dattero o sciroppo d’agave o d’acero se devo berlo così com’è o per le ricette dolci. Se non avete l’estrattore…ok, a breve farò un altro post 😁)

image

Annunci

7 commenti Aggiungi il tuo

  1. Adoro gli gnocchi in tutte le versioni. Questi sono proprio da provare.
    P.S. se finisci di stirare troppo presto ti sparo la mia roba, micca tutto, magari 4 o 5 camici, che sono sempre i prediletti da tutte!

    Liked by 1 persona

  2. VerzaeCicoria ha detto:

    Vade retro!!!!
    😂😂😂

    Mi piace

  3. ilsabatomattina ha detto:

    Che idea sfiziosa! Devono essere buonissimi! Spero domani di ricordarmi di segnare la ricetta! Come ti capisco… Benedetta luce… Io non riesco mai a fotografare… Cucino ad orari impossibili…. 😦

    Liked by 1 persona

    1. VerzaeCicoria ha detto:

      Idem, stessi identici problemi 👍

      Liked by 1 persona

      1. ilsabatomattina ha detto:

        il bello è che il mio blog “parlerebbe” anche di fotografia… ma se non le faccio… la vedo dura!!!hahahaha

        Mi piace

  4. amo gli gnocchi e questa versione è fantastica!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...